Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

HOTELLERIE


PANE, AMORE E FANTASIA, DALLA CIOCIARIA ALLE TOFANE: IL “CUCINIERE” SALVATORE TASSA AI FORNELLI DEL CRISTALLO HOTEL

PANE, AMORE E FANTASIA, DALLA CIOCIARIA ALLE TOFANE: IL “CUCINIERE” SALVATORE TASSA AI FORNELLI DEL CRISTALLO HOTEL

Macché chef: Salvatore Tassa è un cuciniere. Un artigiano della tavola, che prende – quasi esclusivamente – i prodotti del proprio orto nel cuore delle colline ciociare di Acuto e li trasfigura, rispettandone l’essenza, esaltando i sapori cotti al naturale delle rape, le cipolle, le carote. La ricerca del gusto passa attraverso la semplicità, l’energia e la creatività, poche parole e tanta sostanza. Tutto ruota intorno all’ispirazione, alla manualità, all’esperienza del cuoco.

Chissà cosa “bollirà in pentola” il prossimo 17 settembre, quando il cuciniere di Acuto sarà ospite della Rassegna gastronomica “Tutte le strade portano a Cortina”, organizzata dal Cristallo Hotel Spa & Golf di Cortina d’Ampezzo. Si tratta di un originale gemellaggio gastronomico tra la Regina delle Dolomiti e la Capitale. Se i latini affermavano che “Tutte le strade portano a Roma”, quest’estate si è invertita la rotta, per puntare verso le Tofane: sono gli Chef capitolini a salire a Cortina per dare vita ad appuntamenti speciali nel nome del Made in Italy.

Una serie di incontri che condividono un format originale: Il nuovo Chef “di casa”, Fabrizio Albini, si impegna a realizzare speciali menù a quattro mani con i migliori Chef stellati della Capitale. Dopo aver incontrato Domenico Stile, Chef dell’Enoteca La Torre a Villa Laetitia, e Giuseppe Di Iorio, Chef stellato del ristorante romano “Aroma” dell’Hotel Palazzo Manfredi, appuntamento quindi con Salvatore Tassa.

Anche se non vuole essere chiamato chef, Tassa rappresenta uno dei migliori interpreti della cucina romana: lo attestano la stella Michelin e le tre forchette Gambero Rosso del suo ristorante “Le Colline Ciociare”. Due i menù degustazione, uno che propone ai piatti storici del territorio e del locale, e uno, “Odissea” dedicato a un percorso sensoriale tra boschi e natura. Talvolta, mescolato alle materie prime locali, fa capolino qualche ingrediente esotico, da Giappone e Thailandia, ma solo quando è in grado di aggiungere qualcosa di irrinunciabile all’armonia generale. Chissà cosa sarà in grado di realizzare, il cuciniere, con i gustosi prodotti di Cortina.